WhatsApp, la svolta, le aziende potranno contattare i clienti.

Condividi questo articolo
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email
Tempo di lettura: 2 minuti

icona whatsapp

Già da tempo si intuiva la volontà di WhatsApp di entrare nel business.

Con l’ultimo comunicato apparso sul sito, non solo si concretizza tale volontà, ma si evince che il progetto è già in fase di sperimentazione. La novità prevede la possibilità, per aziende, esercizi commerciali, brand, di mettersi in contatto con i clienti. Ricordiamo che WhatsApp conta oltre un miliardo di utenti, una grande opportunità quindi per le aziende che volessero entrarvi in contatto. Ciò che traspare da questo progetto è che potrebbe essere uno strumento molto utile anche per commercianti locali e aziende di vari settori che potranno avere un contatto diretto con il cliente per assistenza, promozioni e comunicazioni più veloci e dirette.

Come precisa la società, non sarà cosa semplice e immediata per le aziende entrare in contatto con la clientela. Queste infatti saranno sottoposte ad una verifica che ne accerti l’autenticità del profilo business.

Dal punto di vista client invece, l’utente avrà vari strumenti a disposizione che gli permetteranno di evitare truffe e spam. Uno di questi è rappresentato da un’icona che accompagna il profilo business (raffigurata da una spunta bianca su sfondo verde) e seguirà il nome del contatto, sarà la conferma che il numero è stato verificato da WhatsApp. Inoltre l’utente sarà informato quando messaggia con un’azienda, dallo sfondo della chat che diventerà di colore giallo. L’account figurerà nell’elenco contatti con il nome con cui viene salvato in rubrica oppure, in caso di nuovo contatto, col nome scelto dall’azienda e l’utente (cosa importantissima per evitare spam) avrà la facoltà di bloccarlo.

Davvero una grande svolta quindi, da parte della società di Mark Zuckerberg, ma le aziende avranno dei costi per accedere a questa possibilità? Ancora nessun dettaglio è stato fornito su eventuali costi da parte delle aziende. In passato però l’amministratore delegato della società Jan Koum aveva già dichiarato che un contatto tra clienti e business poteva essere uno strumento per monetizzare il servizio. Aspetteremo evoluzioni in merito, per il momento al programma pilota partecipa un numero limitato di aziende.

Condividi questo articolo
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Email this to someone
email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.